Piper L-4H

F-AYZA

Timelapse 1944-2014
Timelapse 1944-2014

Questo Piper arrivò sotto U.S. Air Force numero 43-30036 nel gennaio del 1944 in Inghilterra. E fu assegnato all'8 ° Air Force.

12 colori TRS (Tactical e Reconnaissance Squadron) trasporta: piastrelle blu e bianche sulla parte superiore della pinna e il naso.MapWWII

Alla fine della seconda guerra mondiale, le forze americane ci costringe sono distribuite negli Stati Uniti dando posti il Piper l - 4 ai governi alleati locali.

43-30036 così passò nelle mani delle autorità belghe e iniziò la sua vita civile in Belgio, l’Aéroclub Royal Antwerp, registrato OO - JOE.

I britannici hanno acquistato il velivolo nel 1970.

Cavalletta
Cavalletta

Restaurato ai suoi colori originali dalla società di catering di aerei più vecchi Aviazione militare cielo 4 in Inghilterra, tornò in Francia per la fine del 2013.

È classificato nel registro francese delle collezione di aerei ad aprile 2014.

 

 

 

 

 

 

 

 

12th TRS

Il 12 ° TRS durante la Seconda Guerra Mondiale: Da Operation Overlord ad avanzato con il generale Patton”

Badge del 12 ° Tactical Reconnaissance Squadron e
Badge del 12 ° Tactical Reconnaissance Squadron e

12 ° TRS è uno squadrone della US Air force dedicata per la ricognizione tattica.
Era dotata di una flotta variegata durante la seconda guerra mondiale: A - 20 Havoc, 1942

P51 Mustang du 12th TRS
P51 Mustang du 12th TRS

P c 6/F-51 Mustang, 1942 allora P-51/F-6 d Mustang, 1943-1946
Spitfire PR Mk XI, 1942-1944
L-4 Grasshopper, 1942-1943
DB-7 e A - 20 Havoc, 1943

Al loro arrivo in Inghilterra alla fine del 1942, i piloti ha seguito una formazione intensiva con la RAF.
Lo squadrone è diventato rapidamente operativo e repositionna su 8 diverse basi prima di D - Day.

12 ° TRS ha avuto un ruolo importante nella fotografia di spiagge della Normandia alla luce la lega debarqument.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto

Trovate tutte le foto in La Galerie

 

 

 

 

J3 per L-4

© Jean-Marie Urlacher
© Jean-Marie Urlacher

Piper Cub, (Piper J3) è un peso leggero, costruito dal 1937 al 1947 negli Stati Uniti da Piper Aircraft.
Aeromobili in tandem (due posti uno dietro l'altro), si intendeva semplicemente imparando pilota inizialmente. Ma consente alla sua semplicità, basso costo, è diventato uno dei più popolari e ben noti di tutti i tempi. Questo non è senza ricordare che Ford T è l'automobile.
L-4 barella Quando l'esercito americano ha cercato un aerei da collegamento e osservazione, Piper Aircraft modificato Piper J3 espandendo significativamente la superficie di vetro e il dispositivo ha ricevuto l'appellativo di O-59 (1941), L - 4 (dall'aprile 1942) e non (all'interno l'u. S. Navy).

Il suo ruolo e della molteplicità dei suoi usi era notevole:
Missioni di ricognizione, trasporto di personale e apparecchiature sensibili, artiglieria fuoco regolazione, evacuazione medica dei soldati feriti.

Durante la liberazione della Francia nel 1944, la lentezza del L- e manovrabilità li ha resi una piattaforma di osservazione ideale per trovare i carri armati tedeschi nascosti in imboscata nel bocage della Normandia.

aout1944 22, circa 10.30, Leclerc si svolge a bordo del suo Piper e mosche a Laval al generale Bradley soddisfano, solo per consentire la marcia del DB 2 ° su Parigi.
23 agosto, il libro di Piper Cub ai parigini assediato il famoso messaggio del generale Leclerc: "fermi, arriviamo. Su questo argomento, vedere la sezione“Relazione sulla missione 2 ° DB: Eliminazione di L-4 messaggi Gal Leclerc parigini”.

 

Parigi, Avenue de la Grande Armée, agosto 1944
Parigi, Avenue de la Grande Armée, agosto 1944

Caratteristiche generali:

Equipage: un pilote
Capienza: un passeggero
Lunghezza: 22 ft 5 in (6,83 m)
Apertura alare: 35 ft 3 in (10,74 m)
Peso a vuoto: 765 lb (345 kg)
Carico utile: 455 libbre (205 kg)
Peso massimo: 1,220 kg (550 kg)
Gruppo motopropulsore: 1 × continentale A-65-8 raffreddato ad aria orizzontalmente opposti quattro cilindri, 65 CV (48 kW) a 2.350 giri/min

Prestazione
Velocità massima: 76 kn (87 mph, 140 km/h)
Velocità di crociera: 65 kn (75 mph, 121 km/h)

 

 

 

 

 

 

Nei dintorni della L-4

L'arte del pre-volo su un cucciolo

Un film:

 

https://youtu.be/Q4S2BrDstbY


Piper Cub, la passione, l'aereo André Bréand

Piper Cub, la passione di aeromobili

Prosciutto e marmellata è orgogliosa di aver partecipato alla nuova edizione del libro di riferimento di lingua francese sul Piper Cub. In più per apparire sulla copertina, troverete anche una doppia pagina su F-AYZA, il 1943 Cub volare oggi all'interno della nostra associazione.

Passione, l'aereo Piper Cub simboleggia sempre il piano di scuola e la gestione di Marina ideale. Per la gente comune, il nome di "Cub" è stato a lungo parte del colloquiale e mezzi per i profani ' club aerei. Sentiamo spesso non pronuncia il nome di Piper 'Club'?

Dal concepimento ai suoi discendenti, attraverso le ore oscure della seconda guerra mondiale, è un look completo che viene indossato su questo aereo e dei suoi derivati. Illustrato con molte fotografie e piani di tre punti di vista, questo libro soddisfa anche le aspettative dei progettisti.

Tecnico aerospaziale, aviazione giornalista e pilota di Piper Cub, André Bréand offre con questo studio completo e dettagliato del primo libro storico in francese sul cucciolo, suoi antenati e dei suoi derivati.


L'arrivo di G-AKAZ in Francia, salutato da aviation Fana

Articolo Aviation - giugno 2016 Fana - n. 559
Articolo Nr. Aviation - giugno 2016 Fana - 559

Incontra un pilota veterano di L-4

"Je me sens à la maison" a dit Maurice de Castex en rencontrant 43-30036 (F-AYZA).
MauriceDeCastex
All'età di 97 anni, non ha nulla dimenticato questi voli in aereo da caccia francese nel 1939, o Piper L - 4 nella divisione della Francia libera (DFL).
Né i suoi passsages nel Cub sotto la Torre Eiffel!

Maurice di Castex, Piper L - 4 pilota nel 1944 (c) Laurent Cluzel
Maurice di Castex, Piper L - 4 pilota nel 1944
(c) Laurent Cluzel

P1040203b_sm

 


Parigi e Francia liberata: Voliamo sotto la Torre Eiffel

DFL_Tableau
Tabella François FLOHIC, aiutante di campo generale de Gaulle, offerto a Pierre SIMONET nel 2015, in memoria del suo passaggio in aereo nel 1945 sotto la Torre Eiffel

Dopo 8 maggio 1945, giorno della vittoria, la nostra sezione si unisce a Parigi e si pone nel campo di Issy les Moulineaux, l'Eliporto di corrente.
È la fine di un anno intenso, con momenti forti, bei paesaggi, strane avventure, incontro con un ambiente emozionante e gli uomini di eccezione, solide amicizie e il comfort immenso di non perdere nessun compagno.
Ma per noi, i ribelli primi del tempo, ancora necessario fare qualcosa dell'ordinario.
Vi suggerisco di:
- E se sei andato sotto la Torre Eiffel?
Il piano di volo è rapidamente organizzato: prendere contorno dalla spianata del Trocadero e i suoi giardini, il pont d'Iéna, passare sotto l'arco di ferro enorme, sorvolare il champ de Mars e raddrizzare su scuola militare. C'è spazio libero.
Il giorno successivo, il mese di maggio volge al termine, il tempo è superbo, i nostri tre Piper Cub indossato dopo il grande passaggio. Ci sono poche persone; un americano soldato fotografia tutti sorpreso noi volo.

Non era una prodezza di volare. Aveva bisogno di altro indirizzo di base. Avevamo chiesto l'autorizzazione a nessuna autorità.
L'air force, ad esempio la Civil Aviation Authority, navigato nell'euforia della vittoria.
Al giorno d'oggi, l'aviatore che è sarebbe divertire per passare sotto le gambe della signora grande DFL_1erRA_Cub-Panoramicadovrebbe essere severamente ammonito.
Ma era un'altra epoca. Ci sono lunghi, dal momento in cui che le ali della liberazione ha volate sopra la Francia".

Pierre SIMONET, Compagnon de la libération
Osservatore in Piper Cub al 1 ° (1 ° DFL campo reggimento R.A., Divisione del France Libre)


Piper L - 4 cacciatore di luna

https://www.youtube.com/embed/5JYA-S4GfCc


Arte naso su Piper L-4

L'arte di naso erano rari il Piper l - 4, soprattutto nell'artiglieria.
Un'eccezione comune era i cuccioli che hanno lavorato all'interno dello squadrone di aeronautica degli Stati Uniti nel mezzo di caccia-bombardieri,...).


Passaggi sotto la Torre Eiffel

Fumetto a stelle e strisce, 1944
Fumetto a stelle e strisce, 1944

La 33a ricognizione e foto Squadron arrivarono a Toussus-le-Noble (A-46) solo dopo la liberazione.

En septembre 1944, Le pilote Lt. Luther "Peaches" Killingsworth ne résista pas au plaisir de rendre visite à la tour Eiffel en passant avec son Piper L-4 DESSOUS.

Sue fughe gli è valso un articolo sulla rivista dell'US Army, Stars and Stripes. Almeno un altro driver reitera sfruttare attuale novembre 1944.

(Fonte: La storia del PRS 33 °)

 


Aviazione e Pilot No. 486 sul Piper F-Ayza

RTEmagicC_logo-aviazione-e - pilotes.jpg [1]

Intervista a JM Bossuet Aviation & Pilota, per scoprire la collezione aviation, osservazione dell'uccello versione guerra, passione L-uccelli...

 


Info-driver n ° 700, la Ferté a Piper L - 4 H riunione

140607-1503_vdn_vince_08-sm

Perlogo_info_pilote1 [1]cause di r di ripetizioni, vengo a La Ferté-Alais 6 giugno a bordo degli aerei che hanno partecipato al d-Day... Emozione. La traccia viene spostata per la riunione. Lungo l'asse della presentazione e il classico brano tag tag, è molto utili organizzatori riveduti briefing foglio. Mi alleno stazione vicino Martin Hodeau, che è il primo L-4 ha chiesto. Andremo insieme ai driver casa.
La presentazione del mio piccolo L-4 Piper, 1943 non è ovviamente il clou dello spettacolo, ma si integra con orgoglio nel D - tabella di giorno.

La sequenza, chiamata Overlord, è composto da tre Piper L-4. Nel momento in cui stiamo iniziando a rotolare, Stephen Grey e suo Bearcat passato noi. Si prepara per il suo ultimo volo in riunione. Fargli una riverenza dalla fine delle mie piccole ali. Ci togliamo dietro l'aereo "Casella di d-Day",
che è più di una dozzina grandi warbirds, il DC3, P51 Mustang, un Beech 18, una Catalina, uno Spitfire... Durante questi tre giorni, gli incontri sono collegati. Molti amici visualizzati senza avere il tempo per discutere a lungo, passionale e affascinanti visitatori sul lotto di parcheggio del display statico al mattino... Ogni presentazione in volo richiede un'ora o due di preparazione, concentrazione, seguita dai tempi... Purtroppo, non completamente fare rofite dello spettacolo continuato prima del mio volo. Dietro le quinte, gli aerei sono stati messi in atto, si riuniscono nell'aria. Oltre ai commenti di Ciceri, la frequenza è una seconda colonna sonora. Tutto è ben gestito da Marie Luce, il controller di eccellente. La porta si aprì, mio L-4 riempie poco rumore di tutti questi motori che ruotano insieme, in una suggestiva Sinfonia... Domenica sera, i nostri ospiti gentilmente facciamo il posto negli hangar perché temporali sono annunciati. Purtroppo, la notte dopo la nostra partenza, installazioni e aircraft di base sarà pesantemente danneggiato dal tempo di rara grandezza.

 


2 ° rapporto di missione DB: drop in L-4 del messaggio del generale Leclerc ai parigini

Le Capitaine Callet
Le Capitaine Callet

24 agosto 1944, capitano Callet (pilota) e tenente Mantoux (osservatore) effettuato con una missione storica a bordo di un Piper L-4: sono sceso sulla prefettura di Parigi il messaggio che annuncia l'arrivo delle truppe del generale Leclerc e così il rilascio del capitale.

La storia del conducente (scritto da Renaud Leblond) e segnalare questa eccezionale missione:

Relazione di missione
Relazione di missione
2eDB002_C
Relazione di missione (continua)

"C'est par un temps de chien, le 24 août, vers 13 heures, que je reçois l'ordre le plus inattendu de ma carrière. Je suis alors à Rambouillet, d'où, le matin même, les blindés de la 2e DB se sont ébranlés pour gagner au plus vite la capitale.

Il mio otto aerei - Piper Cubs americano responsabile per la correzione dell'artiglieria - sono bloccati a terra. Intrappolati da questa pioggia di drue che continua ad accadere. Come me, il mio osservatore, tenente Etienne Mantoux, è deluso: questa sera o domani al più tardi, carri armati Leclerc penetrano eroe di Parigi, poi il volo, esso stati bloccati dalla tempesta, insegnerà la vittoria senza partecipare. Siamo davvero invidiosi... Quando improvvisamente un gocciolamento Jeep si ferma prima del PC del volo.

Un officier de liaison de l'artillerie, le capitaine Righini, en descend, puis se dirige vers nous. Sa voix est pressante: "La capitale s'est soulevée, dit-il. C'est la Préfecture de police qui dirige les opérations et qui subit le choc principal des forces allemandes. Les agents tiennent héroïquement, mais ignorent l'avancée fulgurante de nos blindés.

Messaggio del generale Leclerc Leclerc

Des émissaires ont atteint le PC de Leclerc. Ils ont dépeint la situation dramatique de ceux qui combattent dans Paris et qu'il faut, à tout prix, rassurer..." Je comprends aussitôt la mission: survoler Paris et lâcher sur la Préfecture un message lesté de plomb. Quatre petits mots: "Tenez bon, nous arrivons." Mantoux et moi sommes gonflés à bloc. Malgré le mauvais temps. Malgré, surtout, les risques insensés qui se profilent: comme tous les Pipers, mon avion n'est pas blindé; il est lent et ne dispose pas de moyen de riposte. D'ailleurs, le règlement est formel: un piper ne doit jamais traverser des lignes ennemies.
Tranne in caso di emergenza. Tranne nell'euforia del rilascio che incombe, ma è ancora in mano un filo. Circa 15, un assottigliamento offerto a noi. Sbrigati, abbiamo messo il nostro paracadute e completare le nostre cinture. Per una prima sosta a Arpajon. Questa volta, prego il Signore. Intensamente.

Tenente Mantoux
Tenente Mantoux

Et, tandis que le moteur de l'avion se met à vrombir, me revient cette phrase du "Chant des Francs": "Les heures de la vie s'écoulent... Nous sourirons quand il faudra mourir." Sur la piste, les équipages sont rassemblés. Ils nous disent adieu. Notre avion bondit sur la bande de la prairie. Les pouces se lèvent. Nous filons vers l'inconnu...
Le ciel s'est dégagé. Au sol, nos chars, bien visibles avec leurs panneaux roses, jalonnent la ligne avancée des combats. Ils sont désormais derrière nous. Etienne et moi sommes étonnamment calmes. Pour me cacher des Allemands, mais aussi pour m'orienter, je joue avec les nuages. Dans une sorte d'extase, je répète au micro cette phrase de Montherlant: "Savoir enfin ce qui compte et ce qui ne compte pas. Et nous en tenir à ces clartés que nous avons délimitées sous le soleil de la mort." Mais Etienne me corrige: "Oui mon capitaine, mais nous en tenir à ces clartés que nous ?allons? délimiter sous le soleil de la mort!"
Quand? Là maintenant, alors que, les premiers, nous découvrons Paris et oublions tous les dangers. Je reconnais le Panthéon, puis la Préfecture. Etienne me confirme l'objectif. Que faire? Je hurle: "Attention, je vais piquer!" L'avion bascule, vire et plonge. Je veux tromper l'ennemi. Simuler une chute. L'altimètre décroît. Rien, pas un coup de feu. Nous sommes bientôt à quelques mètres au-dessus des flèches de Notre-Dame. Je redresse brutalement l'appareil en amorçant un virage circulaire autour de la Préfecture. Etienne explose: "Message lancé!" Et je vois alors la banderole couleur d'or qui le signale se dérouler comme dans un rêve...

Callet capitano e tenente Mantoux, l'eroico equipaggio

Infine quasi. Riva sinistra, macchina pistole vengono messi in azione. Come calabroni, il tracciante passare nostri aerei, che lentamente ha provato a riguadagnare quota. Se continuo la mia ascesa, i tedeschi verranno corretto loro fucilazione. La mia decisione è presa: sono tornato alle spalle e punture a morte sui tetti di radersi più da vicino. La tregua non durerà. Le Kremlin-Bicêtre, abbiamo centrato in pieno. Si è verificato un arresto anomalo a livello del atterraggio. Ci stiamo muovendo a zigzag in una corsa sfrenata. A Villejuif, a Arcueil, Cachan, mitragliatrici vomitare senza sosta. Il ritorno è infinito. Fino a: frutteti, Sobborghi, Montlhéry e nostri serbatoi che scuriscono verso Parigi. Gridiamo con gioia. Noi siamo vivi. E si tratta di una vela senza carrello di atterraggio che si trovano in un prato.
Le général Leclerc nous félicite. Il nous apprend que le message a été reçu, compris et exécuté. Je ris d'un rire nerveux. Comme si j'avais perdu la raison."

 


HAM e JAM le orme di sbarco

A Piper L - 4, un veterano, Roland lebbrosi (resistente e pilota di Bombardiere B25), un J3 (Aéroclub de Bernay) di pattuglia e un fotografo molto buona)Jean-Marie Urlacher) sopra le spiagge dello sbarco.

Panoramica di Port-en-Bessin in un Piper L - 4 H 1943
Panoramica di Port-en-Bessin in un Piper L - 4 H 1943

Nostri passeggeri, Roland lebbrosi (Biografia di origine Ovest della Francia):

Questo nativo di Wasquehal (Nord) e ' entrato, nel gennaio 1941, Marsiglia, Ian-grankio rete – Pat O'Leary, un gruppo clandestino di assistenza ai membri dell'esercito britannico e la Royal air force sul suolo francese. Ha raccontato le avventure, suo arresto a Indre-et-Loire, sua fuga ' per la barba di un ufficiale tedesco che era stato felice incoscienza per me lasciatemi solo un momento ".

Il 10 marzo 1942, Roland lebbrosi lasciò la Francia per raggiungere l'Inghilterra attraverso la Spagna e Gibilterra. Poi fu decorato con la medaglia dell'Impero britannico. "A Londra, Pierre Mendès-France, che più tardi nominato Commissario delle finanze del Général-de-Gaulle, mi aveva dato di scegliere tra denaro e questa medaglia."

Nel 1943, si unì il Canada per volo di addestramento. Lorena pilota bombardiere di gruppo, verrà restituito nell'ottobre 1944 nella forze della Francia libera sulla base aerea di Vitry-en-Artois (Pas-de-Calais), ripreso da forze aeree di Francia libera della Luftwaffe. Si svolgerà soprattutto sopra l'Olanda e la Germania.

Roland lebbrosi fu smobilitato con il grado di sottotenente nel gennaio 1946. Sarà poi una carriera professionale di successo nel campo delle attrezzature agricole e dei lavori pubblici.

Vedi anche questo Articolo in inglese sul sito coscritti Heroes.

... Foto di questa operazione allora qui.

 


Sessione fotografica con François

Jeep e Piper L-4H
Jeep e Piper L-4H
Cavalletta
Cavalletta